Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

IL METODO CHE SEGUO: LA TEORIA DELLE ONDE DI ELLIOTT

Vi segnalo che sto preparando un libro innovativo su questa Teoria così poco conosciuta. Nel frattempo è disponibile un mio webinar didattico sulla Teoria di Elliott composto da 3 moduli per complessive 6h. Qui i dettagli: https://www.fib30online.it/it/news-81.htm  ) Per analisi tecnica si intende comunemente l’attività di studio dei mercati finanziari dal punto di vista grafico, si studia cioè l’ oscillazione dei prezzi passati (di un dato titolo od indice o valuta) al fine di ricavare delle proiezioni di prezzo e di movimento future, effettuando quindi delle previsioni, il piu’ possibile vicine alle prossime oscillazioni reali. Non prende quindi in considerazione dati economici, di bilancio, rumors e/o notizie di mercato. La tecnica di previsione per eccellenza è la Teoria delle Onde di R.N. Elliott (Elliott Wave Principle), tecnica questa poco conosciuta (ed applicata) in Italia ma molto utilizzata nei Paesi anglosassoni, patria dell’analisi tecnica. I miei corsi sono strutturati per offrire un approccio teorico prima e pratico poi alla “Teoria delle Onde di Elliott”, con l’intento di presentare nel modo più chiaro e nel contempo sintetico e semplice i principi che regolano e strutturano tale teoria, segnalando la strategia e gli elementi basilari necessari alla sua APPLICAZIONE PRATICA OPERATIVA sui mercati finanziari in genere (azioni italiane ed estere, indici, derivati, for.ex e commodities…). Teoria della quale molto si parla ma davvero poco (quantomeno in Italia) si conosce, la quale consente una alta capacità di analisi e di previsione dell’andamento dei mercati e consente di anticipare con alta precisione i prezzi di obiettivo (sia al rialzo che al ribasso) attesi su diversi “time frames” temporali, previsioni e proiezioni attuabili con la sola osservazione del grafico e senza necessità di indicatori, oscillatori, notizie o quant’altro generalmente associato alle tecniche di analisi tradizionalmente utilizzate. La tecnica è particolare, assai inusuale e deve trovare nell’analista/trader una personalità adatta alla sua assimilazione… Una tecnica che è davvero in grado di farVi “leggere” il mercato, tanto piu’ precisamente quanto piu’ saprete coglierne la grandezza e la essenziale semplicità, ricordandoVi che è l’utilizzatore che aiuta a rendere grande la tecnica… Conoscendola ed applicandola scoprirete che i mercati NON si muovono in maniera caotica o casuale (‘random’) ma che, al contrario, seguono sviluppi matematici di estrema precisione e bellezza…

Molti di voi si saranno certamente chiesti perché i movimenti dei mercati, come molte altre manifestazioni della natura, presentino una regolarità soggiacente nascosta dall’apparente casualità, regolarità che spesso si ripete a più scale. Ad un primo esame non è possibile capirne il motivo e intuirne le regole. Le dinamiche dei prezzi vengono quasi sempre interpretate seguendo le regole della logica e della matematica e dinamica classiche, per alcuni versi con risultati abbastanza soddisfacenti, tuttavia con varie lacune e molte incertezze, soprattutto sulla possibilità di “prevedere” le future oscillazioni dei prezzi. In tutte queste dinamiche, con manifestazioni apparentemente legate a quell’insieme di fattori imponderabili che impropriamente definiamo ‘caso’, esistono leggi che creano una stretta relazione tra ‘inizio’ e ‘fine’, tra dinamica rialzista e ribassista. Notando la similarità tra le dinamiche di mercato e varie manifestazioni in natura, viene spontaneo notare come vi siano meccanismi che generano regolarità geometriche presenti in varie forme della natura, nelle strutture molecolari (DNA), nelle galassie (spirale) … ad alta efficienza funzionale e un notevole grado di adattamento: queste possono essere comprese osservandole e studiandole tramite le leggi dell’irregolare ‘armonico’ e del caos ‘ordinato ‘ e non tramite le “vecchie” regole della geometria classica. Nel lavoro quotidiano di studio dei mercati molto spesso ho avuto occasione di osservare la precisione che presentano gran parte delle strutture grafiche: nella loro apparente morfologia strana e disordinata, vi è un ordine logico che sfugge ad una osservazione superficiale immediata, ad uno sguardo distratto. Ma si rivelano invece all’occhio attento (ed allenato)a riconoscere i vari movimenti inquadrandoli con la Teoria delle Onde di Elliott… Spesso anche le manifestazioni finanziarie (oscillazioni) che talvolta cerchiamo di inquadrare in schemi logico-matematici ed economici sembrano presentare un andamento totalmente caotico, ma esso è costruito invece con regole rigide. Il primo impatto con la geometria frattale, con il caos ‘ordinato’ e con i sistemi dinamici complessi ha determinato spesso solo una sensazione di meraviglia e di curiosità. Approfondendo e addentrandosi in questa nuova scienza matematica ci si rende conto che questa rappresenta certamente la base e il futuro di ogni indagine scientifica, non solo nelle scienze puramente matematiche, ma anche in quelle finanziarie, illuminandole di una luce nuova.

Da un lato la semplicità si nasconde sotto apparenze complesse, dall'altro, al contrario, è la semplicità a dissimulare realtà estremamente complesse.' (Henri Poincarè, 1854-1912)

Chiamaci

Siamo a tua disposizione per qualsiasi informazione

Translate